Il Consorzio Sicilia Sport al Vertice incontra i candidati alla Presidenza della Regione

Nessuno schieramento politico, bensì come unico interesse lo sport. È con questo spirito che il Consorzio Sicilia Sport al Vertice ha iniziato ad incontrare i candidati alla Presidenza della Regione in vista delle elezioni regionali del prossimo 5 novembre, chiedendo loro di inserire nei propri programmi dei punti riguardanti il settore, così duramente colpito dalla crisi.

Dopo i lavori del Convegno ‘Lo stato di crisi in cui versa lo sport siciliano’ organizzato dal Consorzio ‘Sicilia Sport al Vertice’ alla Sala Gialla di Palazzo dei Normanni in data 29 maggio 2017, una commissione interna al Consorzio ha sintetizzato in una proposta, strutturata su quattro punti, le azioni da porre in essere a livello regionale per sostenere lo sport di vertice, che rappresenta la Regione Sicilia in tutto il territorio nazionale e internazionale, ma anche lo sport di base.

La proposta è stata inviata oltre che alle segreterie dei candidati a governatori della Regione Siciliana, anche a tutti i gruppi politici attivi in questa campagna elettorale.

La scorsa settimana una delegazione del Consorzio ha incontrato il candidato del centrosinistra, Fabrizio Micari, e quello del Movimento 5 Stelle, Giancarlo Cancelleri.

 

Durante questi incontri, il Consorzio ha illustrato i punti chiave della propria proposta:

RI-FINANZIAMENTO DELLE LEGGI REGIONALI A SOSTEGNO DELLO SPORT attraverso il potenziamento della Legge 8/78, destinata all’attività di base, ma soprattutto il rifinanziamento della Legge 31/84, destinata alle Società Sportive Dilettantistiche che partecipano ai Campionati Nazionali (Serie A e Serie B), che dovrà tornare ad essere finanziata con un contributo non inferiore ai 12 milioni di euro.

SPORT E PREVENZIONE PRIMARIA, con l’inclusione di risorse dedicate ad un capitolo destinato alle attività sportive tra le ‘specifiche finalità’ nel Piano di Riparto del Fondo Sanitario Regionale, individuando almeno lo 0,10%, percentuale minima che porterebbe risorse pari a circa 9.000.000,00 di euro, da destinare ad associazioni sportive dilettantistiche di vertice, che attuano programmi finalizzati principalmente alla cosiddetta prevenzione primaria.

PRINCIPIO DELL’INSULARITÀ, attraverso la rielaborazione dei principi derivanti dalla “Continuità Territoriale” in favore delle Società Sportive di Vertice, individuando delle risorse dedicate a quei singoli atleti ed a quelle squadre che partecipano a Campionati Nazionali e Internazionali, per garantire condizioni fortemente agevolate per i trasferimenti.

NORME IN MATERIA FISCALE A SOSTEGNO DELLO SPORT, prevedendo ad esempio l’introduzione di un credito d’imposta a carico della Regione Sicilia per le aziende che sponsorizzano le società sportive dilettantistiche in misura pari al 50%.

Nelle prossime settimane sono in programma incontri con Claudio Fava, della lista ‘Cento Passi per la Sicilia’ e Nello Musumeci della coalizione del centrodestra che è stato anticipato, sempre la scorsa settimana, da un incontro con Alessandro Aricò, candidato all’Assemblea Regionale di ‘Diventerà Bellissima’, nella sede di Palermo.

Il vice presidente di Sicilia al Vertice, Giorgio Locanto: “Con soddisfazione possiamo affermare che i candidati alla presidenza della Regione che abbiamo finora incontrato si sono mostrati realmente interessati a questa iniziativa che non ha precedenti nella storia siciliana. Le elezioni regionali sono un’occasione unica che ci permette di rimettere sul tavolo l’argomento sport, negli ultimi anni relegato ad un ruolo marginale che non gli compete. Il Consorzio si impegnerà a monitorare e verificare che i programmi elettorali di tutte le coalizioni includano i quattro punti che sintetizzano ciò che il governo regionale può fare per il bene dell’intero comparto e delle filiere ad esso collegate”.